26 Aprile 2016 Expert

4 STEP PER TRASFORMARE GLI UTENTI INTERNET IN AMBASCIATORI DEL BRAND

Vi siete mai chiesti come ottenere ambasciatori del brand partendo da semplici utenti web? Probabilmente sì, chi non lo vorrebbe: con questo articolo siamo a fornirvi qualche spunto per arrivare a tale ambizioso obiettivo.

Nella letteratura specifica, il processo che trasforma gli utenti del web in ambasciatori del brand si chiama “lifelong cyclee si snoda sostanzialmente in 4 step. Ma com’è possibile passare da “utenti internet” a “ambasciatori del brand” in 4 passaggi, considerando la differenza smisurata fra le due figure?

Innanzitutto, abbiamo già parlato dell’importanza di alcune attività preliminari e assolutamente necessarie:

  • profilazione del cliente al fine di trasformarlo in lead per raggiungere l’obiettivo di targettizzare i contenuti ed ottimizzare, in questo modo, la strategia di marketing.

Net-expert 4 CARATTERISTICHE CHE OGNI BLOG AZIENDALE DEVE AVERE PER ESSERE EFFICACE

  • segmentazione dei diversi target in modo da creare contenuti di valore ed indirizzare ogni messaggio alle buyer personas interessate a quello specifico contenuto.

Net-expert DIMMI CHI E’ IL TUO TARGET E TI DIRO’ COME COMUNICARE 

Rimane da vedere il procedimento che trasforma un utente del web in portavoce dell’azienda e quindi il processo che porta dall’engagement del cliente, alla sua profilazione ed al suo inserimento in un target ben definito.

In sintesi questo processo del “lifelong cycle” è spiegato dall’immagine sottostante:

4 passaggi del liflong cycle

Nel dettaglio, si articola nei seguenti 4 passaggi, visti nel dettaglio uno per uno:

1. ATTRACT, LA FASE DELL’ATTRAZIONE: DA UTENTE A VISITATORE DEL SITO

Visitatore del sito

Il primo step prende il nome di “attract” proprio perché consiste nell’attrarre i navigatori della rete: mi raccomando, non utenti qualunque, ma le persone giuste (buyer personas), quelle cioè interessate al nostro business. Una volta attirato, il semplice utente si trasformerà in visitatore.

Per ottenere questo risultato è necessario soddisfare alcuni criteri:

  • VISIBILITA’ E POSIZIONAMENTO

    E’ fondamentale che il sito internet sia visibile e ben posizionato nei motori di ricerca. Per raggiungere ottimi livelli di ranking bisogna adottare delle strategie di SEO efficaci, di cui abbiamo già parlato in parte(Net-expert  6 CARATTERISTICHE PER UN BUON POSIZIONAMENTO DI UN SITO WEB SUI MOTORI DI RICERCA) e parleremo più avanti in un articolo dedicato;

  • PUBBLICAZIONE DI CONTENUTI

    Per esempio la pubblicazione di articoli sul corporate blog o post sui social networks che, ricordiamo, devono essere utili e interessanti, perché altrimenti il cliente si rivolge ad altre fonti;

  • TITLE E DESCRIPTION

    Elementi cruciali per invogliare l’utente ad interessarsi ai nostri contenuti di cui al punto sopra;

  • DESIGN E STRUTTURA DEL SITO WEB

    Questi due elementi devono essere necessariamente ottimali per garantire all’utente un’usabilità ed user experience di qualità. Attenzione a non dimenticare che la maggior parte degli utenti naviga da mobile (secondo il report di Smartinsights “Mobile Marketing Statistics compilation”), per cui il sito dev’essere mobile friendly, ovvero adattabile agli schermi più piccoli rispetto al desktop.

2. CONVERT, L’ARTE DELLA CONVERSIONE: DA VISITATORE DEL SITO A LEAD

Lead

Una volta completata la prima fase gli utenti sono diventati visitatori e sono arrivati sul vostro sito web.

Ora bisogna raccogliere le loro informazioni personali (la merce più preziosa per un web marketer) per convertire i visitatori in lead, ovvero in potenziali clienti profilati che possono trasformarsi in clienti effettivi. Questa operazione di profilazione dell’utente si può realizzare inducendo l’utente a lasciare le propri generalità in cambio del contenuto dai noi fornito.

In che modo si ottiene questo scambio di dati? Tramite diversi strumenti:

  • CALL TO ACTION

    Il cui scopo è guidare il percorso di navigazione dei visitatori al proprio sito, in modo da indirizzare l’utente verso le landing pages e spingerlo all’azione (iscriversi al sito o alla newsletter, commentare un articolo, recensire un prodotto o servizio dell’azienda, inviare una mail per richiedere maggiori informazioni, .. giusto per fare alcuni esempi);

  • LANDING PAGES

    Ovvero le pagine in cui il visitatore “atterra” per ricevere ciò che gli viene promesso (articoli, video, e-book, webinar,..) in cambio dei suoi dati personali. Chiaramente è l’azienda che instrada l’utente a queste pagine, perciò deve tenere presente l’oggetto di interesse dell’utente che l’ha spinto a lasciare i propri dati personali o l’azione che vuole far compiere al visitatore;

  • FORM

    Cioè i moduli, messi a disposizione dall’azienda nel proprio sito, che gli utenti possono compilare con i dati personali;

  • RETARGETING

    remarketing è una forma di pubblicità online che viene mostrata solo agli utenti che hanno visitato il tuo sito, senza aver concluso la vendita o la trasformazione in lead. E’ uno strumento che aiuta un’attività a farsi ricordare dai visitatori del sito e a conservare un legame con essi, mantenendo il brand visibile;

  • EMAIL

    Una volta ottenuto l’indirizzo email tramite il modulo di contatto, si può avviare una campagna di email marketing, inviando, quindi, una serie di email incentrate su contenuti utili e pertinenti per conquistare la fiducia del lettore.

Chiaramente questi strumenti da soli non bastano, ma devono essere affiancati da una strategia vincente che, tramite una gestione intelligente del contenuto, tratti in maniera differente l’audience a seconda dei suoi bisogni, esigenze ed interessi.

3. CLOSE, QUANDO E’ TEMPO DI CONCRETIZZARE: DA LEAD A CLIENTE

Cliente

La fase due ha avuto successo, abbiamo ottenuto un lead, ovvero un potenziale cliente profilato.

Ora bisogna concretizzare l’azione, quindi chiudere la vendita, rendendo il cliente potenziale un cliente effettivo. Per via di questo delicato passaggio, lo step “Close” si può considerare come la fase vitale di monetizzazione.

Il raggiungimento o meno di questo risultato dipende da:

  • L’ABILITA’ DEL MARKETER

    Che deve attuare in maniera intelligente le diverse strategie di marketing, indirizzando le varie campagne ai target pertinenti, in modo da attrarre i potenziali clienti;

  • LA FORZA VENDITA

    Che deve riuscire ad essere convincente nella fase di vendita del prodotto o servizio al potenziale cliente, che è stato attirato dall’abilità del marketer;

  • QUALITA’ DEL PRODOTTO O SERVIZIO

    Chiaramente il prodotto o servizio offerto deve essere valido, altrimenti i primi due punti elencati, per quanto possano essere capaci ed attuati perfettamente, servono a ben poco!

  • DELIGHT, L’IMPORTANZA DEL POST-VENDITA: DA CLIENTE A PROMOTORE

Ambasciatori del brand

La vendita è stata conclusa ed il cliente è stato acquisto; a cosa serve, allora, quest’ultima fase?

Presto spiegato: serve per “deliziare” il cliente con un servizio di post vendita più che soddisfacente. E’ importante non trascurare l’interazione con il cliente nel dopo vendita, perché risulta molto utile per la diffusione del passaparola intorno al brand.

Non sarebbe l’ideale per l’azienda che i clienti si trasformassero in ambasciatori del brand, nei suoi promotori spontanei che diffondono nel web (e non solo) opinioni positive? Pensate a quanti colossi come Ebay e Tripadvisor basano il proprio business sui giudizi e recensioni dei clienti!

E non è tutto. A un cliente soddisfatto si può proporre un ulteriore prodotto o servizio, magari con un valore maggiore rispetto al suo acquisto precedente (ovvero fare attività di upselling e crosselling).

Avete capito quindi quanti vantaggi comporta “deliziare” il cliente anche dopo la vendita?

Coltivare nel tempo la relazione con il cliente, tramite per esempio l’utilizzo dei social network e dell’email marketing, permette di fornire un ottimo customer service che fa sentire il cliente importante e “coccolato” dall’azienda e, quindi, più propenso a tornare ad acquistare presso quell’azienda, oltre che a suggerirla ai sui amici e contatti.

 

Vi piacerebbe avere una schiera di ambasciatori pronti a divulgare il vostro brand alla popolazione web? Sì, ma non sapete come fare? Niente paura, contattateci e insieme adotteremo le strategie necessarie per creare dei promoter della vostra azienda!

Versione per la stampa Versione per la stampa , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,