29 Novembre 2016 Expert

5 ESEMPI DI GAMIFICATION APPLICATA ALLA COMUNICAZIONE INTERNA ALL’AZIENDA

 

Oggi parliamo di nuovo del trend che sta prendendo sempre più piede, ora anche in Italia, e che si presta ad essere utilizzato in diversi settori (sanitario, ambientale, etc.) ottenendo risultati sorprendenti: la Gamification, ovvero “l’applicazione di aspetti propri del gioco (elementi di gioco, meccaniche di gioco, tecniche di Game design) a contesti non giocosi” (per approfondimenti consigliamo il libro di Alberto Maestri, Pietro Polsinelli e Joseph Sassoon “Giochi da prendere sul serio).

Per “contesti non giocosi” si intendono anche gli ambiti business, in particolare quello del marketing (di cui abbiamo già parlato in un precedente articolo Net-expert GAMIFICATION: UN TREND VINCENTE PER FIDELIZZARE I VOSTRI CLIENTI E FARVI CONOSCERE) e della formazione e motivazione del personale aziendale.

In questo articolo parliamo proprio della Gamification applicata alla formazione, motivazione e selezione del personale, riportando anche utili esempi pratici.

Nell’articolo precedente dedicato alla Gamification ( Net-expert GAMIFICATION: UN TREND VINCENTE PER FIDELIZZARE I VOSTRI CLIENTI E FARVI CONOSCERE), abbiamo accennato a come tale metodologia può rivelarsi molto utile non solo in ambito marketing, ma anche quando viene utilizzata internamente alle realtà aziendali: ad esempio quando viene impiegata per addestrare e informare il personale. Nello specifico,  abbiamo elencato quali benefici porterebbero le strategie di gioco impiegate internamente alle aziende:

  • Incremento delle performance lavorative, della produttività e della motivazione degli impiegati;
  • Ottimizzazione nella formazione del personale;
  • Miglioramento del recruiting dei candidati.

Vediamo più nel dettaglio i tre diversi punti: motivazione, formazione e recruiting.

1. CASI-MODELLO DI GAMIFICATION NELLA MOTIVAZIONE DEGLI IMPIEGATI

Gamification nella Formazione

Molte aziende motivano il proprio personale tramite ricompense e premi, seguendo la consuetudine secondo cui per stimolare i dipendenti a fare meglio ed impegnarsi maggiormente è necessario dar loro una gratifica.

L’efficacia della metodologia della Gamification sta proprio in questo: rappresenta un’alternativa a tale mentalità obsoleta, che non sempre restituisce i risultati sperati, perchè tramite gli elementi del gioco applicati ai contesti lavorativi, essa va ad impattare sulla produttività dei dipendenti, i quali potranno eseguire un’attività in maniera piacevole, divertente e gratificante.

Tramite questa metodologia si può incontrare, quindi, il parere positivo dei dipendenti (soprattutto dei più giovani) perché si crea intorno a loro un ambiente di lavoro coinvolgente, stimolante e caratterizzato da una sana e positiva competizione che contribuisce ad aumentare le prestazioni lavorative dei singoli e del gruppo.

CASE STUDIES MICROSOFT: UN GIOCO PER NON FAR ANNOIARE I DIPENDENTI

Anche un colosso mondiale come Microsoft ha deciso di utilizzare la Gamification per “combattere” la noia che affligge i dipendenti quando devono controllare gli errori linguistici contenuti nelle finestre di dialogo degli aggiornamenti di un programma.

microsoft gamification

Con l’obiettivo di motivare il personale Microsoft ha introdotto un meccanismo a punti, simile ad un gioco, in modo che i dipendenti svolgessero tale compito senza annoiarsi e quindi in maniera più efficiente. Sempre per stimolare il personale a fare del proprio meglio, Microsoft ha usato i meccanismi del gioco anche per incentivare gli utenti web a ricercare eventuali bug nelle diverse versioni di Windows.

CASE STUDIES SAMSUNG: MOTIVARE GLI IMPIEGATI UTILIZZANDO I MECCANISMI DEL GIOCO

Per una realtà come Samsung avere un personale stimolato ed invogliato a ricercare e risolvere i problemi è fondamentale. Per questo l’azienda ha ideato ”Samsung Nationun gioco che, tramite logiche di punteggio e progressione di livelli, ha incentivato i dipendenti a partecipare attivamente alla risoluzione dei problemi aziendali.

Samsung Gamification

2. ESEMPI DI GAMIFICATION NELLA FORMAZIONE DEL PERSONALE

Gamification nell'E-learning

Apprendere nuove nozioni può non essere entusiasmante, soprattutto se il nostro capo ci prospetta corsi di formazione ed aggiornamento lunghi ed estenuanti. Eppure, soprattutto nel contesto lavorativo, nuove competenze ci permettono di migliorare le nostre prestazioni.

Acquisire nuove competenze lavorative, quindi, è indispensabile, ma il sistema di apprendimento è talvolta demotivante. È in questo scenario che “entra in gioco” la Gamification: grazie alle caratteristiche distintive del gioco come livelli, punti e classifiche gli utenti possono controllare a che punto sono rispetto ai colleghi, monitorare gli obiettivi raggiunti e quindi migliorarsi.

In particolar modo il raggiungimento degli obiettivi funge da spinta motivazionale che contraddistingue il successo della Gamification rispetto ad altre metodologie; come sostiene Brian Burke, vice presidente di Gartner Inc. (società leader nella consulenza strategica, ricerca e analisi nel campo dell’IT) Gamification success is really all about motivating players to achieve their goals.” – Fonte: ricerca tratta dal libro “Gamify: How Gamification Motivates People to Do Extraordinary Things di Brian Burke

CASE STUDIES SAP: FORMAZIONE DEL PERSONALE TRAMITE SIMULAZIONI LUDICHE

Un esempio nel mondo dell’informatica lo riporta SAP Community Network che ha avviato un programma di formazione della forza vendita chiamato “Road Warrior”.

sap gamification

Si tratta di un vero e proprio gioco che, utilizzando la metafora del guerriero della strada, crea delle simulazioni in cui i venditori devono rispondere ai quesiti dei clienti o risolvere problematiche tecniche. Gli impiegati avevano tutto l’interesse a completare al meglio queste missioni, perchè così potevano vincere punti e badge.

CASE STUDIES MCDONALD: AGGIORNARE IL PERSONALE TRAMITE UN APPROCCIO LUDICO

Mc Donald Gamification

McDonald ha deciso di formare il personale sul nuovo sistema di cassa implementato in alcuni punti vendita tramite, un simulatore che ricreava la loro attività quotidiana. Proprio come nella realtà l’obiettivo era di evadere gli ordini e soddisfare i clienti nel modo migliore e con il minor tempo possibile.

Tramite questo gioco i dipendenti potevano allenarsi verosimilmente in modo da acquisire la pratica necessaria ed evitare di causare disservizi o rallentamenti durante il servizio reale. I risultati sono stati straordinari in termini di soddisfazione del personale, miglioramento del tempo di evasione degli ordini e di aumento della spesa media dei clienti.

3. ESEMPI DI GAMIFICATION NEL RECRUITING DEI CANDIDATI

Gamification nel Recruiting

La Gamification si presta ottimamente anche nella selezione del personale, perché tramite il gioco un’attività può valutare più scientificamente le componenti psico-attitudinali (la gestione delle emozioni e dei conflitti, la capacità di comunicazione e ascolto, per esempio), le competenze trasversali e l’indole del candidato in un contesto in cui la persona è coinvolta dal gioco e quindi si comporta in maniera più naturale e spontanea. In questo modo emergono anche quei fattori che durante i normali colloqui si cercano di nascondere.

Inoltre, in base ai profili che sta cercando un’azienda ed alle caratteristiche che dovrebbe avere il futuro dipendente, si possono creare dei giochi ad hoc in cui poter mettere alla prova le potenzialità dei candidati.

Un ultimo motivo per cui la Gamification è efficace nel recruiting è la possibilità di creare un database molto vasto di persone da profilare e preselezionare; è sufficiente chieder loro di registrarsi alla piattaforma per poter giocare.

CASE STUDIES MSC CROCIERE: RICERCA DEL PERSONALE TRAMITE UN GIOCO ONLINE

MSC Crociere ha superato il metodo tradizionale di ricerca e selezione del personale, che com’è noto prevede l’analisi di una grande mole di curricula e una moltitudine di colloqui, tramite la Gamification. A Febbraio di quest’anno l’azienda, in collaborazione con l’agenzia creativa We Are social, ha realizzato il gioco “Inner Island” per rinnovare il processo di selezione dei candidati, in modo che questi potessero veramente mostrare il proprio potenziale.

Il gioco si articola in diversi livelli, a cui si accede previa iscrizione tramite il proprio account di Facebook, suddivisi nelle quattro aree che caratterizzano la vacanza perfetta: benessere, intrattenimento, destinazioni e good&beverage. Prima di cominciare a giocare, tuttavia, il candidato deve rispondere ad un quiz a risposta multipla che serviva alla compagnia per delineare il profilo del giocatore, le preferenze gastronomiche, l’indole, etc.

Per testare le capacità logico-matematiche dei candidati sono stati inclusi anche degli short games specifici, che però potevano essere saltati.

inner islandAlla fine si accede all’ultimo livello del gioco, in cui inizia la vera e propria fase di recruitment: la compagnia, dopo aver dato le opportune istruzioni ai partecipanti, chiede loro di presentare un’idea che migliori una delle quattro aree tematiche elencate prima.

Questo videogame non è solo un semplice “gioco”, perché ha rappresentato per l’azienda uno strumento di screening efficace e per i candidati un modo divertente e creativo per vincere uno stage in una delle sedi della compagnia.

Non esitare a contattarci se vuoi saperne di più o avviare una campagna di Gamification in maniera seria e professionale.

Versione per la stampa Versione per la stampa

, , , , , , , , , , , , , ,