4 agosto 2017 Elisa

MINI GUIDA PER L’UTILIZZO DEGLI HASHTAG NEI SOCIAL NETWORK: INSTAGRAM, FACEBOOK E TWITTER

hashtagGli hashtag, quelle parole semplici o associazioni di parole precedute dal simbolo del cancelletto (#) che spesso si vedono sui social, per molte aziende sono una vera incognita: perché vengono usati? A cosa servono? Il loro utilizzo può essere utile per il mio business?

Alla luce di questi ed altri dubbi abbiamo deciso di fare un approfondimento dedicato proprio all’utilizzo degli hashtag nei social network quale aggregatore tematico, per rispondere a coloro che si sono posti queste domande e per suggerire qualche accorgimento su come sfruttarli al meglio.

HASHTAG: COSA SONO, A COSA SERVONO E DA DOVE NASCONO

Guida all'utilizzo degli HashtagA prima vista gli hashtag sono parole senza spazi precedute dal simbolo del cancelletto; in realtà sono delle vere e proprie “etichette” che categorizzano un determinato argomento.

Nati con Twitter nel 2007, successivamente si sono diffusi anche negli altri social network, dove sono evidenziati da un colore diverso rispetto alla normale descrizione e sono stati resi cliccabili. Così facendo l’utente può visualizzare tutti i post che riportano quello stesso hashtag, consentendo di effettuare una ricerca per argomento (funzionalità presente anche in Instagram e, in misura minoritaria, in Facebook).

Quest’ultima loro caratteristica ci fornisce un duplice vantaggio:

  • Ricerca: grazie alla ricerca per hashtag è possibile tenere sempre d’occhio i temi di nostro interesse per rimanere aggiornati sulle ultime novità. Lo stesso possono fare gli utenti: ricercando tutti i contenuti che trattano un determinato argomento per loro d’interesse, intercettano anche i nostri post categorizzati dall’hashtag in questione;
  • Monitoraggio: monitorando gli hashtag che parlano di noi o del nostro settore è possibile valutare la percezione che gli utenti hanno del nostro brand, potendo così correggere o migliorare la strategia comunicativa e di marketing. Inoltre tenere sotto controllo gli hashtag utilizzati dal nostro pubblico ci permette di scoprire quali sono i loro interessi e le loro tendenze così da delinearne un profilo più accurato.

Non solo, gli hashtag sono preziosi anche nelle strategie di Social Media Marketing in termini di lead generation e di brand reputation, a patto, però, che si utilizzino in maniera corretta. Prima di snocciolare questi consigli, vediamo come i principali social network gestiscono gli hashtag.

GLI HASHTAG SU INSTAGRAM, FACEBOOK E TWITTER

hashtag nei social networkSu Twitter ed Instagram gli hashtag sono molto utili e prioritari perché mostrano tutti i contenuti associati a quella parola chiave, mentre su Facebook la ricerca è più limitata, seppure il loro utilizzo sia diventato comunque molto popolare.

Questo dipende dal fatto che, al contrario di Instagram e Twitter, nel motore di ricerca interno alla piattaforma di Facebook non vengono resi visibili gli hashtag poco usati. Inoltre la visualizzazione o meno del post contenente l’hashtag ricercato, dipende dalle impostazioni di privacy dei singoli utenti: i contenuti contrassegnati dall’opzione più stretta “mostra contenuto solo ai miei amici” non saranno visibili, al contrario di quelli delle pagine o dei post pubblici degli utenti.

Un’altra differenza tra Facebook e gli altri due social network è che sulla piattaforma di Mark Zuckerberg un utilizzo spropositato di hashtag “sporca” il messaggio e distrae gli utenti; infatti secondo un’infografica di Quicksprout (di cui riportiamo un frammento appena sotto) l’aumentare del numero di hashtag sui post Facebook porta alla riduzione delle interazioni da parte degli utenti.

hashtag su facebookClicca qui per vedere l’infografica completa

MANUALE D’USO DEGLI HASHTAG NEI SOCIAL NETWORK

Vediamo infine quali regole sono legate all’utilizzo degli hashtag e quali accorgimenti aggiuntivi possono adoperare le aziende che vogliono sfruttare al meglio questo strumento:

  • Perché siano rintracciabili devono essere scritti correttamente, senza spazi o punteggiatura in mezzo alle parole;
  • Non esiste una regola precisa sul numero massimo degli hashtag, ma sicuramente non devono essere usati in quantità massiccia. Ne va della fruibilità visiva del contenuto e del suo engagement (soprattutto non parlare solo con hashtag!);
  • Non inserire nessun hashtag sui post risulta controproducente perché rappresentano un piccolo gesto che aumenta la visibilità del brand.
  • Non utilizzare hashtag troppo generici o vaghi, anche se molto diffusi, ma specifici e mirati al proprio target. Più nel dettaglio, le parole chiave dovranno essere pertinenti al contesto del post e al settore dell’azienda e non seguire esclusivamente la moda del momento che potrebbe non avere nulla a che fare con noi (magari perchè coinvolge un target non nostro);
  • Non usare hashtag complicati, difficili da memorizzare, che si sovrappongono ad altre campagne o che siano simili a quelli usati da altri brand, ancora peggio dai nostri competitors;
  • Utilizzare l’hashtag con il nome dell’azienda o del prodotto deve indurre gli utenti a pubblicare contenuti con il nostro hashtag. Tutto di guadagnato per la propria brand awareness;
  • Aggiornare gli hashtag, non usare sempre gli stessi che ristagnano nel mondo dei social. Se dai una rinfrescata alla tua campagna social perché non fare altrettanto con gli hashtag utilizzati?
  • Osare e sperimentare nuovi hashtag, sempre tenendo a mente le regole sopra riportate, potrebbe farti scoprire nuove opportunità di visibilità ed engagement;
  • Gli hashtag si rivelano molti utili per monitorare le attività delle campagne social. Sfruttali per tenerne controllato l’andamento e valutare eventuali miglioramenti alla strategia;
  • Se ti avvali di un influencer per promuovere i tuoi prodotti o servizi controlla che apponga sempre ai suoi post gli hashtag preposti (#adv #ad o #sponsored) che segnali all’utente il carattere promozionale del suo contenuto.

Per approfondire quest’ultimo punto, ti invitiamo a leggere un nostro precedente articolo che affronta il recente dibattito che orbita attorno al mondo dell’influencer marketing e sulla loro attività di promozione non esplicita: Net-expert INFLUENCER E PUBBLICITÀ OCCULTA SUI SOCIAL MEDIA: TUTTE LE NOVITA’

Se vuoi attuare campagne di social media marketing efficaci e curate in ogni minimo dettaglio affidati a noi, sapremo consigliarti strategie vincenti in linea con i tuoi obiettivi di business e il tuo budget!

, , , , , , , , ,