31 Marzo 2016 Expert

VUOI APRIRE UN E-COMMERCE? COSA FARE E COSA NO

 

Anche noi qualche volta siamo spinti a tornare sul luogo del delitto …che nel nostro caso è l’argomento e-commerce e canali di vendita online. E’ necessario fare ogni tanto alcuni approfondimenti a proposito di questo vasto tema perché, contrariamente al pensiero di molti, per aprire un e-commerce non basta semplicemente avere un sito web e pensare di partire con pochissimo per renderlo produttivo!

Vi soffermereste solo alla punta dell’iceberg…

  1. COSA NON FARE: PENSARE CHE SI TRATTI SOLO DI UN SITO WEB

Certo, il primo passo più ovvio da fare nel mondo delle vendite online sembrerebbe quello di scegliere la piattaforma su cui avviare il proprio negozio online. Invece la scelta della piattaforma web è solo uno dei passaggi finali dopo una serie di valutazioni da effettuare circa le peculiarità dell’attività di vendita online, le caratteristiche degli articoli e di altri fattori esterni alla piattaforma (per esempio la gestione del magazzino, attività di Customer Care e molto altro). Altro elemento cruciale collegato alla scelta della piattaforma (sempre molto discusso e che crea non pochi patemi d’animo) è quello relativo alla scelta dell’agenzia web o del team di sviluppatori/programmatori a cui si affidarsi per la creazione / personalizzazione, gestione ed implementazione tecnica nel caso si scelga di aprire un e-commerce proprietario.
Quindi, riassumendo, quando si parla di e-commerce non basta parlare solo del sito web, ma è indispensabile attuare una strategia che, sulla base di analisi preventive, permetta di ottenere il miglior risultato nella vendita online dei nostri prodotti o servizi.

  1. COSA NON FARE: IGNORARE LE STRATEGIE DI DIGITAL MARKETING

digital marketing

Secondo Roberto Fumarola, fondatore di b2commerce e Qapla.it,  uno dei principali sbagli che può fare chi ha aperto/vuole aprire un e-commerce è: “sottovalutare la componente traffico, e quindi le attività riguardanti il web marketing, per il successo dell’attività di vendita online”.

Ma per mettere in piedi un’efficace strategia di web marketing sono necessarie delle analisi preventive; infatti, sempre secondo Roberto Fumarola un altro sbaglio consiste nel “non aver fatto un’analisi accurata delle proprie necessità, del modello di business e, soprattutto, dei propri competitor!

  1. COSA FARE: METTERE GLI UTENTI AL CENTRO

Non dimentichiamoci che l’elemento essenziale attorno cui ruota una buona strategia di digital marketing è proprio il cliente! Cosa gli serve, di cosa ha bisogno, a cosa è interessato… A questo proposito ricordiamo che un e-commerce di successo richiede un elevato numero di interazioni da parte degli utenti, quindi di un elevato tasso di lead generation, ovvero di creazione di clienti potenziali che si dovranno accompagnare alla conversione (acquisto). Ma come fare per incrementare questo tasso e rendere efficace la strategia di digital marketing?

Aumentare traffico sito

Ecco un elenco con qualche utile suggerimento operativo:

  • Mailing list

    Per stimolare l’interesse dell’utente e spingerlo a lasciare il proprio indirizzo mail si potrebbe per esempio offrire al cliente uno sconto in cambio della registrazione. Una volta ottenuta una cospicua mailing list è possibile (e doveroso!) fare delle campagne pubblicitarie diversificate a seconda dei target;

  • Assistenza al cliente

    Non può non esserci. E’ fondamentale per rassicurare il cliente che siete sempre a disposizione in caso di problemi, richieste specifiche ed informazioni;

  • Promozioni e passaparola (buzz)

    Proposte del tipo “porta un amico e ottieni uno sconto puntano a creare un’offerta veramente vantaggiosa in modo che un cliente fedele consigli ad un amico il vostro e-commerce;

  • Utilizzo dei social network

    Si sa che i social network sono un ottimo strumento per diffondere velocemente le notizie, per cui perché non utilizzarli per promuovere i vostri prodotti e le vostre offerte? Un futuro acquirente sarà rassicurato nel vedere che un suo contatto ha condiviso un post con il vostro prodotto o nel leggere una buona recensione del vostro prodotto.

  1. COSA FARE: ADOTTARE I MIGLIORI CRITERI DI USABILITA’ PER IL SITO

User experience

Innanzitutto cos’è la User Experience di un sito web.

La User experience si concentra sulla comprensione degli utenti, sui loro bisogni ed interessi, sulle loro capacità, e anche sui loro limiti.

Una buona User experience permette di migliorare la percezione del prodotto, di tutti i servizi connessi e la qualità dell’interazione da parte dell’utente. Il modo migliore per ottenere questi risultati è fornire agli utenti dei contenuti di valore che siano:

    • Utili: ricordiamoci che i contenuti devono soddisfare i bisogni degli utenti come ad esempio rispondere alle loro domande, fornire loro l’aiuto che cercano;
    • Coinvolgenti: i contenuti devono essere apprezzati dagli utenti ed evocare in loro emozioni, sentimenti ed empatia positiva;
    • Credibili: è indispensabile creare un rapporto di fiducia con gli utenti.
    • Usabili: riguarda la facilità d’uso che deve avere un e-commerce e più in generale un sito.

FOCUS SULL’USABILITA’

Usabilità

Si tratta di una parte della user experience e si definisce come

«Il grado in cui un prodotto può essere usato da particolari utenti per raggiungere certi obiettivi con efficacia, efficienza, soddisfazione in uno specifico contesto d’uso»

Def. ISO 9241

Un sito usabile permette di:

  • far sentire a proprio agio gli utenti;
  • aumentare il fatturato a parità di visitatori;
  • rendere l’esperienza più fluida e gradevole;
  • diminuire il numero di richieste di aiuto/chiamate all’azienda;
  • aumentare la redditività dei canali pubblicitari
  1. COSA FARE: MASSIMA ATTENZIONE ALLA SCHEDA PRODOTTO E AL CARRELLO

Nello specifico, per chi già utilizza un e-commerce aziendale, è vitale soffermarsi su due strumenti chiave che risultano cruciali nel processo di acquisto del prodotto o servizio e che fanno veramente la differenza, evitando che l’utente finisca a comprare da un vostro competitor. Il passaggio può essere molto breve!

  • La Scheda prodotto

    E’ l’anima, ciò che va inserito nelle pagine di un e-commerce, è la prima parte più importante e decisiva per l’acquisto di un prodotto. Devono essere presenti alcuni elementi come un’immagine chiara del prodotto, una descrizione esaustiva, il prezzo, le tempistiche di spedizione, informazioni utili (es. indicazione delle taglie e colori), etc.

  • Il Carrello

    E’ la sezione cruciale in quanto è nel carrello che il cliente è sottoposto allo stress emotivo maggiore e che decide se acquistare o meno da voi, se deve fidarsi o meno. Deve contenere tutte le informazioni necessarie per evitare che vengano abbandonati i carrelli: riepilogo della descrizione ed immagine prodotto, tutte le opzioni scelte dal cliente (per esempio taglie, colori, quantità), prezzo totale, spedizione e tempistiche, etc…. Non perdetevi d’animo se succede che un cliente abbandoni il carrello, perchè è sempre possibile adottare delle tecniche specifiche per tentare di recuperarlo.

Net-expertPer un maggior approfondimento sui vantaggi dell’e-commerce leggi anche: I VANTAGGI DEGLI E-COMMERCE: L’IMPORTANZA DEL MOBILE E ALTRE TENDENZE

Torneremo ancora a parlare di e-commerce ma se nel frattempo avete bisogno di qualche consiglio in merito all’apertura del vostro e-commerce o a come ottimizzare la vostra strategia di web marketing per aumentare il traffico al vostro sito web non esitate a contattarci!

Versione per la stampa Versione per la stampa

, , , , , , , , , , , , , , , ,